Cartoomics Movies Comics Games Homepage

L’Area Fantasy di Cartoomics 2018 presenta: “Potete chiamarle guardie”

L’esibizione, tratta da “A me le guardie” di Terry Pratchett, ideata e diretta da Felix Madison in collaborazione con Stefania Rossini, avrà luogo domenica 11 marzo alle ore 11 presso il Fantasy Village del Padiglione 20

Sul filone del successo dell’iniziativa varata durante la scorsa edizione, intitolata No Time For Voices [clicca qui per saperne di più], che ha registrato il pieno consenso del pubblico, anche quest’anno Cartoomics, in collaborazione con Stefania Rossini, responsabile dell’Area Fantasy, è lieta di ospitare tre doppiatori che si esibiranno in un’interpretazione inedita: “Potete chiamarle guardie”.

Edoardo Stoppacciaro, Pietro Ubaldi e Simone Mori, voci italiane di alcuni dei più rappresentativi personaggi del fantasy e dell’animazione degli ultimi anni, saranno pronti a stupirvi con un testo che vi porterà dove nessuna “statistica” è mai giunta prima.

Potete chiamarle guardie” è un libero adattamento tratto da uno dei romanzi di Terry Pratchett più amati di sempre. Curata e diretta dallo scrittore e drammaturgo Alessandro Felisi, meglio noto al pubblico con lo pseudonimo di Felix Madison, questa esibizione vuole rendere omaggio alla visionaria e divertentissima opera del compianto autore Inglese e si svolgerà a un solo giorno dal terzo anniversario della sua morte.

Sempre ammesso che un eccessivo attaccamento dei doppiatori ai loro personaggi preferiti, non guasti tutto.


Potete chiamarle Guardie

Ankh-Morpork è in pericolo.

Non che di solito non lo sia, anche se questa volta il pericolo arriva su ali di fuoco e da un punto della realtà così improbabile, che non dovrebbe nemmeno esistere.

Un drago sta scatenando la sua furia sulla città più importante di Mondo Disco e tra lui e la distruzione totale ci sono solo un arco, una freccia e un manipolo di eroi sottopagati con un concetto di “statistica” decisamente bisognoso di una revisione.

Potete chiamarli Guardie di Palazzo, Guardie Cittadine o Guardie e basta.

Qualunque nome abbiano, in ogni opera di genere fantasy-eroico il loro scopo è lo stesso: più o meno al capitolo 3 (o dopo dieci minuti di film) irrompono nella stanza, attaccano l'eroe uno alla volta e vengono massacrati.

Nessuno chiede mai se sono d'accordo.

Questo pezzo è dedicato a quei nobilissimi uomini.

Domenica 11 marzo presso l’Area Fantasy di Cartoomics 2018

Ore 11.00 – Durata 15 minuti

Seguirà intervista ai doppiatori moderata da Gabriele Bianchi, redattore di Orgoglio Nerd e curatore della rubrica Università Invisibile.


I doppiatori

Edoardo Stoppacciaro
Attore e scrittore, amante del fantasy in ogni sua forma e professionista di grande preparazione e competenza. Indimenticabile voce del Re del Nord e numerosi altri personaggi legati al mondo della fantascienza, del fantasy e dell’animazione come ad esempio Darth Maul (The Clone Wars), Emile (Ratatouille) e Gideon Grey (Zootropolis). Ideatore del sequel Real presto al cinema.

Pietro Ubaldi
Campione nostrano di doppiaggio ha dato la voce a personaggi di cartoni animati e di film della nostra infanzia; Doraemon, Scooby Doo, Patrick Stella sono solo alcuni tra svariate decine. È stato la voce di Uan e Four Nei programmi Mediaset. Johnny Gomez in (Celebrity Deathmatch), Jeremy Clarkson (Top Gear), e soprattutto il famigerato Capitan Barbossa.

Simone Mori
Conosciuto per essere la voce di Ross Geller, (Friends) e di Warrick Brown (C.S.I.), la sua voce versatile passa dal comico al drammatico con naturalezza e forza. Tutt’altro che nuovo al mondo del Fantasy, lo abbiamo sentito nella voce di un Puffo Forzuto o un eroe in maschera come John Diggle (Arrow). Ci ha fatto ridere nei panni di Vash the Stampede e preoccupare quando ha impersonato l’ambiguo Varys.

Alla regia

Felix Madison
Alessandro Felisi,
alias Felix Madison, attore e drammaturgo, negli anni ha scritto e interpretato diverse opere teatrali. Nel 2011 pubblica Il castigo di Polonio, presentato al Salone del libro di Torino. Nel 2013 il suo secondo romanzo, Eroi con la S maiuscola e nel 2015 si aggiudica il premio Paolo Puccini con l'opera teatrale La contraddizione di Zeus. Vincitore nel 2017 del concorso letterario Personaggi in cerca d’autore, indetto da Kobo, Mondadori e  Passione Scrittore con il romanzo Diario di un'avventura improbabile.

Moderatore della conferenza

Gabriele Bianchi
Classe 1986, Gabriele impara a leggere molto presto, senza alcun aiuto da parte dei suoi genitori, e da allora non ha ancora mai smesso. I suoi studi sono umanistici: liceo linguistico prima, laurea in storia con specializzazione nel medioevo poi. Conosce da sempre Daniele Daccò, da molto prima che gli crescesse quel fastidioso corno sul viso. Nella “vita reale” Gabriele si divide fra il suo amore per la cultura, per la divulgazione, per l'insegnamento e per la lettura. Tra i vari impegni come redattore Gabriele segue anche il premiato progetto Comics&Science e SelfArena, due rubriche fisse di OrgoglioNerd che vedono continue partecipazioni di fumettisti e ricercatori internazionali.