Le serie TV italiane al tempo del “binge watching”: se ne parla a Cartoomics

Come le nuove tecnologie di streaming e i nuovi mezzi a disposizione degli autori stanno cambiando la produzione delle serie TV indipendenti italiane. Un incontro domenica 5 marzo al Cartoomics Theatre

Netflix, Hulu e lo streaming pirata stanno lentamente cancellando il concetto di "palinsesto" dalle nostre abitudini televisive. Auto-finanziamento, crowdfunding, nuove tecnologie a basso costo stanno, d'altra parte, modificando la produzione delle serie TV e il lavoro degli autori. E l'Italia? Ne parleremo a Cartoomics 2017, all'interno del Cartoomics Theatre domenica 5 marzo alle 16,15 insieme Claudio Bartolini di Film Tv e Nocturno, allo youtuber Victorlaszlo e ai registi Roberto D’Antona, Simone Formicola e Andrea Navicella in un incontro sulle nuove produzioni TV indipendenti italiane coordinato da Andrea Milan.

Le serie indipendenti sembrano essere le uniche ad accorgersi del cambiamento in corso: il binge watching, la pratica che ci spinge a vedere una serie puntata dopo puntata dall'inizio alla fine invece di aspettare la messa in onda, generalmente settimanale, sta modificando completamente il modo in cui gli autori pensano le serie TV. Cliffhangers e colpi di scena diventano la regola e le nuove tecnologie e l'auto-produzione cambiano il modo in cui queste serie vengono prodotte e distribuite. Per scoprire il futuro delle serie TV italiane, dunque, vi aspettiamo a Cartoomics 2017.