Mi chiamo Andrea, mi chiamo Roberto… Santonastaso e Ceriotti ospiti a Cartoomics 2017

Ancora due ospiti d’eccezione per l’edizione 2017 di Cartoomics. Sabato 4 marzo alle ore 14.45 sul palco dell’area Movies & Tv salirà un idolo della generazione cresciuta con i mitici programmi-contenitore di Mediaset: Roberto Ceriotti. Domenica 5 marzo alle 14.15 in Agorà 1 sarà invece la volta dell’attore Andrea Santonastaso, figlio del mitico Pippo, che presenterà il suo imminente spettacolo “Mi chiamo Andrea faccio fumetti”, dedicato ad Andrea Pazienza

Ancora due ospiti d’eccezione per l’edizione 2017 di Cartoomics.

Sabato 4 marzo alle ore 14.45 sul palco dell’area Movies & Tv salirà un idolo della generazione cresciuta con i mitici programmi-contenitore di Mediaset: Roberto Ceriotti, succeduto a Paolo Bonolis come indimenticato conduttore di Bim Bum Bam e che tutti i fan ricordano per il suo alter ego supereroico BatRoberto. A venticinque anni dalla sospensione del programma, Roberto Ceriotti rimane un personaggio di assoluto culto per la generazione nata negli anni Ottanta e cresciuta nei Novanta; e in un incontro totalmente “happening” condotto da Filippo Mazzarella e Nicola Nocella, si cercherà non solo di rievocare un’epoca storica della televisione commerciale italiana, ma anche di fare il punto sul presente e sulla eredità di Bim Bum Bam nel quadro dell’attuale produzione di programmi per ragazzi.

Di tutt’altra natura l’incontro che invece vede protagonista domenica 5 marzo alle 14.15 in Agorà 1 l’attore Andrea Santonastaso. Figlio d’arte (il padre è il mitico Pippo Santonastaso, che formava un duo comico popolarissimo negli anni Settanta col fratello Mario e ha poi continuato la sua carriera come impagabile caratterista del cinema italiano di maggior successo popolare), Andrea Santonastaso divide da sempre la sua poliedrica carriera fra teatro, cinema, televisione e radio (ma è anche un bravissimo disegnatore) ed è a Cartoomics per presentare in una sede di elezione che definiremmo perfetta il suo imminente spettacolo “Mi chiamo Andrea faccio fumetti”, un monologo scritto da Christian Poli e diretto da Nicola Bonazzi, che “è una biografia, ma non è una biografia. È un monologo disegnato. È un omaggio che non vuole omaggiare nessuno. E' una dichiarazione di resa di fronte alle sentenze perentorie del destino. È l'ennesima constatazione di un Salieri di fronte ad un Mozart.” Perché Andrea Santonastaso, attore oggi, disegnatore di fumetti una volta, racconta con questo spettacolo l'Arte del più grande disegnatore di fumetti (e non solo: anche pittore, autore, poeta) che il nostro Paese abbia avuto: Andrea Pazienza. Lo fa dichiarando la sua impotenza di fronte al talento immenso di questo istrione dei pennelli e “dichiarando la  sua inferiorità, ma anche la sua incazzatura di fronte allo spreco cosciente e quasi premeditato di tanta Arte pura” in nome di una follia autodistruttiva.

Santonastaso e Ceriotti