Cartoomics Movies Comics Games Homepage

Mohole… Un’invasione di creatività!

Mohole Digital Art Communication è una scuola di arti applicate situata in zona Lambrate, nel nuovo cuore creativo di Milano, e forma ogni anno circa 1.000 studenti nei settori delle arti visive (fotografia e comics) della comunicazione (web & apps, Graphic Design, scrittura creativa e storytelling) e del cinema (filmmaking, 3D e animation, acting). A Cartoomics ha in programma numerose iniziative per coinvolgere il pubblico della manifestazione…

Mohole è un luogo grande ma caldo, destrutturato ma funzionale, popolato ma intimo; organizzato ma non troppo ordinato. Un luogo dove poter pensare, creare, sbagliare, proporre, produrre, presentare. Un luogo dove sostare, dove respirare, dove crescere. Studi, aule, laboratori, isole di progetto, sono pensati per vivere e respirare, apprendendo e consolidando tecniche, saperi, metodi, stili e processi produttivi.

Mohole è il luogo dove condividere sogni, idee, emozioni; dove incontrare, parlare, pensare.

Ben otto gli indirizzi didattici (Graphic design, Filmmaking, Fotografia, 3D e Animation, Web & App, Storytelling, Acting e Comics) e una sede situata nel nuovo cuore creativo di Milano, il quartiere Ventura Lambrate, dove convive con numerose gallerie d’arte e showroom di artisti.

Per quanto concerne l’indirizzo Comics, la scuola Mohole è orientata alla formazione non solo di fumettisti, ma di disegnatori a 360 gradi, soprattutto per la concept art e il character design. Si gettano le basi del fumetto sulle varie scuole, da quella italiana a quella francese, con un occhio ai graphic novel e senza dimenticare la predisposizione degli studenti per il loro stile, l'Illustrazione manuale e la colorazione digitale.

Ma non solo: si lavora anche sull'animazione tradizionale, la creazione di concept, character e storyboard per il cinema (2D e 3D), gli spot e sul game design per videogames.

Punto di forza di Mohole è l'interazione tra le varie aree. Sovente, infatti, gli allievi di Comics collaborano con gli allievi di 3D, Storytelling, Filmaking su vari progetti.

A Cartoomics, nello stand Mohole (F49) situato nell’area fumetti del Padiglione 16, gli studenti di Comics e quelli di 3D collaboreranno allo sviluppo di character design durante tutti e tre i giorni di fiera, mentre sabato e domenica gli allievi del corso Web & App dimostreranno come utilizzare il codice in maniera alternativa e finalizzata alla creazione di alcuni personaggi inerenti al mondo dei fumetti dotati di un'interazione con il pubblico attraverso un sito contest.

Assoluti protagonisti della presenza Mohole a Cartoomics 2018 soprattutto gli studenti di Acting, che saranno presenti venerdì e sabato in fiera con giochi d'improvvisazione teatrale: in programma quattro diverse performance (“crash mob”) da farsi in totale e assoluto silenzio, girando per gli stand con l’obiettivo di attirare l'attenzione dei visitatori, interagire con essi, farsi aiutare nei giochi… ma senza mai poter aprire bocca. Tutti gli allievi saranno vestiti di nero (scarpe, pantaloni, maglietta e camicia o maglia maniche lunghe)…

Ma ecco il programma dei quattro “crash mob”:

Serpente - Una volta individuata la ‘vittima’ di turno, tutti gli allievi si metteranno in fila indiana, proprio come un serpente, e seguiranno l’ignaro individuo sino a quando esso/a si accorgerà di cosa accade alla sue spalle.

Specchio segreto - Gli allievi, posizionati lungo tutto il perimetro dello specchio (immaginario) più pesante del mondo avranno l’obiettivo di farsi aiutare dal pubblico nel trasportarlo per gli stand della Fiera prima di specchiarsi (visitatore-allievo)

Tiro alla fune - Metà da una parte, metà dall’altra, gli allievi inizieranno il classico gioco del tiro alla fune ma dovendo, sempre senza parlare, invitare i visitatori a schierarsi e ‘tirare’ la corda inesistente insieme a loro.

Smile flash - In silenzio gli allievi prima dovranno fare delle foto tra loro con una macchina fotografica immaginaria, ma poi il vero obiettivo sarà quello di farsi fare le foto dai visitatori della fiera o dei selfie, ma sempre senza nessun cellulare reale.

Durante tutto il tempo delle performance gli allievi saranno coordinati e discretamente seguiti dal docente Acting di Mohole, pronto ad intervenire nel caso in cui qualche visitatore si dovesse sentire infastidito dalle performance.